Archivi tag: scuola

Cerimonia di premiazione Scuola+

 

Il 15 Maggio alla Scuola media Arnaldo Fusinato si è tenuta la cerimonia di ringraziamento per i tutor di Scuola+.

(Scuola+ è un progetto creato per aiutare i ragazzi delle medie in difficoltà nello svolgere i compiti per casa, i nostri tutor sono ragazzi che frequentano le scuole superiori del nostro territorio oltre a due insegnanti della scuola: la pro. Rossi e la prof Ferretto)

Ci siamo riuniti assieme ai tutor di scuole superiori diverse in una stanza: c’era un tavolo pieno di prelibatezze al centro e molti molti ragazzi.

Il dirigente della scuola era a capotavola e ha consegnato gli attestati di riconoscimento.

Abbiamo intervistato un paio di tutor presenti alla cerimonia di premiazione per capire la loro esperienza.

 

1° Intervistato/a

 

Giornalista: Come ti chiami e quanti anni hai?

Tutor: Mi chiamo Veripolli Silvia e ho 17 anni.

Giornalista: Che scuola fai?

Tutor: frequento il Pasini.

Giornalista: Perché hai scelto di fare la tutor?

Tutor: Per aiutare i ragazzi delle medie in difficoltà.

Giornalista: L’anno prossimo vorresti rifare la tutor?

Tutor: Sì, ma non mi è possibile essendo in quarta superiore.

Giornalista: Vorresti diventare insegnante?

Tutor: No, non vorrei diventarlo

Giornalista: Che lavoro vorresti fare?

Tutor: Vorrei fare la geometra/architetta.

Giornalista: Rifaresti la tutor se te potessi?

Tutor: Certamente, rifarei il tutor se solo avessi questa possibilità.

 

2° Intervistato/a

 

Giornalista: Come ti chiami e quanti anni hai?

Tutor: Mi chiamo Bejan Denis e ho 18 anni.
Giornalista: Che scuola fai?

Tutor: Faccio l’I.T.E.T. Pasini

Giornalista: Perché hai scelto di fare il tutor?

Tutor: Per avere dei crediti e vedere come si insegna.

Giornalista: Vorresti diventare insegnante?

Tutor: No, non mi piacerebbe.

Giornalista: Che lavoro vorresti fare?

Tutor: Vorrei fare il geometra.

3° Intervistato/a

 

Giornalista: Come ti chiami e quanti anni hai?

Tutor: Mi chiamo Nicola Smiderle e ho 16 anni.

Giornalista: Che scuola fai?

Tutor: Faccio l’I.T.I.S.

Giornalista: Perché hai scelto di fare il tutor?

Tutor: Mi sembrava una cosa interessante e ho voluto provare
Giornalista: Vorresti diventare Insegnante?

Tutor: No.

Giornalista: Che lavoro vorresti fare?

Tutor: Sono ancora in cerca del lavoro perfetto per me.

Un GRAZIE ai tutor che hanno partecipato a questo progetto.

 

ELTON 13 ANNI

MICHEL 2^A13 ANNI

THOMAS 2^A13 ANNI

ESPERIENZA DI SCUOLA + intervista ai tutor:

 

 

Scuola + è un attività extra scolastica organizzata dalla scuola per aiutare i ragazzi che hanno bisogno di supporto nei compiti per casa. Noi alunni abbiamo avuto la possibilità di essere aiutati dai ragazzi che frequentano la terza e quarta superiore e che hanno aderito a questo progetto. Nei pomeriggi del lunedì e venerdì loro erano i nostri tutor e insieme ai compagni delle nostra classe, abbiamo avuto l’occasione di conoscere e lavorare assieme a ragazzi un pò più grandi di noi.

Oggi, al termine dell’anno scolastico, il nostro dirigente ha consegnato ai tutor (in tutto erano 74) i diplomi di merito e per noi è stata l’occasione per porre loro delle domande che rispondessero alle nostre curiosità.

La prima domande che  abbiamo posto loro è:

  • È stato facile aiutarci nell’eseguire i compiti?

Sì, è stato facile anche se alcuni argomenti li avevamo dimenticate, soprattutto di matematica e geometria.

La seconda domande è:

  • Sei riuscito a stabilire un rapporto costruttivo con i ragazzi?

Si, siamo riusciti ad instaurare un legame molto forte, soprattutto con alcuni ragazzi.

La terza e ultima domande sull’esperienza di Scuola +:

  • Ti è servito anche per imparare qualcosa di te?

Alcuni hanno scoperto di avere molta pazienza e altri che sarebbe un bel lavoro da fare da grandi altri invece il contrario, altri dicono di aver capito l’importanza di sapersi organizzare ed essere affidabili.

In seguito abbiamo posto loro delle domande personali:

  • Riesci a conciliare le tue attività personali con lo studio?

Si, anche se a volte può essere difficile, soprattutto se si pratica uno sport. La cosa importante è sapersi organizzare.

  • Quanto è importante avere un proprio metodo di studio?

È molto importante acquisire un valido metodo di studio per riuscire a dedicarsi anche ad attività non scolastiche.

 

Angela 11 anni

Martina  11 anni

Marta 11 anni

Benedetta  13 anni

Gesti di pochi che offendono tutti: no al Cyberbullismo

 

Giovedì 15 marzo il nostro preside, Silvio Grotto, ci ha riferito che dei ragazzi/ragazze di terza e di seconda media hanno postato dei post su instagram che parlavano in modo offensivo nei confronti del dirigente scolastico e di alcuni docenti dell’istituto comprensivo Arnaldo Fusinato.

Secondo noi questo fatto accaduto è molto grave, non dovrebbe succedere soprattutto non dovrebbe accadere nuovamente, i professori e il dirigente mettono cuore e anima nel lavoro che svolgono per noi ragazzi, non  ci insegnano solo le discipline ma anche ad affrontare la vita, a volerci bene e rispettarci.

Comunque questo fatto ci ha confermato che le azioni di bullismo non ci portano da nessuna parte, che i bulli sono persone che non vanno assolutamente seguite ed ascoltate.

BENJAMIN (ANNI 11)

MARTINA (ANNI 11)

FORUM DEI MESTIERI: UN’ESPERIENZA PREZIOSA

 

Agli inizi di novembre la mia professoressa di italiano mi ha chiesto di partecipare al progetto di “Scuola X “, con alcuni miei compagni di altre classi avremo dovuto presentare il Forum dei mestieri nella serata inaugurale. Devo dire che nell’immediato sono rimasta un po’ sorpresa . Avevo paura di espormi ad un pubblico adulto ed è questo il motivo più grande che mi ha spinta ad accettare: superare il mio limite. Volevo provare qualcosa di diverso e superare questa mia paura, volevo crescere.

Per la prima volta nella mia vita mi era stato affidato un compito cosi grande, che richiedeva tanta voglia di fare, disponibilità e affidabilità e mi sentivo orgogliosa.

Io , insieme ai miei compagni di avventura ci siamo coalizzati e impegnati nel portare a termine, con successo l’obiettivo.

Abbiamo lavorato molto e alla fine, il risultato, ci ha regalato molte soddisfazioni .

Quest’esperienza mi ha lasciato solo insegnamenti positivi.

Mi ha insegnato che ad un impegno dato, non bisogna trascurarlo e tanto meno tirarsi indietro o scoraggiarsi.

Questa esperienza mi ha insegnato cosa significa lavorare veramente in squadra e mi ha fatto capire che il lavoro insieme è bellissimo perchè ci si confronta, si discute, si ride, la fatica, si sente meno la fatica e, alla fine, si gioisce insieme del successo ottenuto.

“ CON IL TALENTO SI VINCONO LE PARTITE , MA E’ CON IL LAVORO DI SQUADRA E L’ INTELLIGENZA CHE SI VINCONO I CAMPIONATI “ Michael Jordan .

Questa esperienza mi ha insegnato che la vera fatica non è mai sprecata, che se una cosa non è costata fatica non è cosa fatta bene.

Ho capito, infine, che bisogna sempre farsi coraggio e cimentarsi in esperienze simili perchè ti danno l’opportunità per crescere ancora.

Durante la serata dell’ esposizione, il pubblico sembrava apprezzare molto e credo sia stato proprio quel momento, che ognuno di noi abbia veramente capito che il sacrificio ci aveva resi enormemente felici e soddisfatti di noi.

E’ stato bello poter trasmettere e far capire le nostre riflessioni sul mondo del lavoro al pubblico che ha partecipato all’inaugurazione.

Ringrazio la prof.Mattera per l’opportunità data ma soprattutto la prof.Rossi per averci supportato e stato accanto nel nostro cammino.

ROBERTA 13 ANNIimmagine-missiobn-forum

LE STORIE di CARLETTO

 

Per Carletto è il primo giorno di scuola media.

Quando, finalmente,  ha trovato la classe, Carletto non aspetta altro che inizi la lezione. Ad un tratto sente chiamare il suo nome: -Carletto, dimmi due pronomi.- Ma Carletto, dall’agitazione non riesce a dire altro che:-Chi? Io?- Bravo Carletto!-esclamò il professore.

 

Un giorno Carletto chiese al professore: -Professore si può punire una persona per qualcosa che non ha fatto? – Certo che no Carletto!- Bene, perché io non avrei fatto i compiti!

Nella scuola di Carletto c’era un nuovo professore.

Un giorno mentre spiegava era disperato perché in quella classe non c’era proprio disciplina.  Allora scocciato disse:-Ora basta, credevo foste ragazzi intelligenti con cui si può ragionare…ma forse mi sbagliavo. Se c’è qualche sciocco, in questa classe si alzi in piedi. Nessuno si mosse.

Dopo un po’ Carletto si alzò. –Perché ti sei alzato?- chiese sorpreso il professore.

– Professore, mi spiaceva vederla lì in piedi da solo!

 

ALESSIA  5^elementare

UN’OSPITE SPECIALE A SCUOLA

 L’8 febbraio 2018 la nostra scuola Fusinato è stata felice di accogliere il Sindaco di Schio, Walter Orsi, che ha fatto un “tour” della scuola e abbiamo colto l’occasione per fargli un’intervista.

Il sindaco è stato accolto dai nostri assessori che gli hanno fatto fare il giro della scuola; in quaste

In questa occasione si è rivolto a noi ragazzi in modo amichevole, ci sembrava che fosse un ragazzo come noi.

Insieme siamo andati in alcune aule dove si svolgevano delle attività particolari; il sindaco ha parlato cordialmente con noi ragazze e ci ha anche dato alcuni consigli e suggerimenti.

A conclusione della su visita gli abbiamo rivolto alcun domande che ci stavano a cuore :

Intervistatore: Secondo lei è possibile che nel campus che stanno costruendo si possono realizzare delle attività che ci aiutino a sperimentare i nostri talenti?

Sindaco: Assolutamente si, perché all’interno della struttura che è in via di costruzione, il campus, ci saranno dei servizi che riguarderanno principalmente a voi giovani.

Intervistatore: Gli insegnanti ci hanno spiegato che molte attività scolastiche non possono essere svolte per problemi economici, come potremo risolvere questo problema?

Sindaco: I progetti per le scuole sono tanti, ma il finanziamenti sono insufficienti, questo problema comporta tutte le scuole d’Italia.

                                                                                                                                                                                                                                                            LINDA 12 anni

                                                                                                  PIETRO 12 anni

 sindaco